Home » Sicilia » Sito Unesco Le città tardo barocche del Val di Noto

Sito Unesco Le città tardo barocche del Val di Noto

Verified
Fontana dell'Elefante Catania
Fontana dell'Elefante Catania
Palazzo Sortino Trono Ragusa
Collegio dei Gesuiti Catania
Palazzo dei Chierici Catania
Cattedrale di Catania
Chiesa di San Giuseppe Ragusa
Catania Chiesa di San Francesco da Borgia
Palazzo La Rocca e Chiesa dell'Itria Ragusa
Palazzo Zacco Ragusa
Palazzo Zacco Ragusa
Palazzo Beneventano Scicli
Palazzo Sgrlata Scicli
Palazzo Spadaro Scicli
Palazzo Beneventano Scicli
Palazzo Cosentini Ragusa
Badia di Sant'Agata Catania
Chiesa di San Giovanni Ragusa
Chiesa del Purgatorio Ragusa
Palazzo Beneventano Scicli
Chiesa di San Domenico Noto
Monastero delle Benedettine Ragusa
Cattedrale di Catania
Particolare chiesa di San Giorgio Modica
Duomo di San Giorgio Ragusa
Chiesa di San Placido Ragusa
Chiesa di Santa Maria della Syella Militello in Val di Catania
Palazzo Ducezio Noto
Palazzo Sgarlata Scicli
monasterodeibenedetini6.JPG
Chiesa di San Domenico Noto
Palazzo Nicolaci Noto
Palazzo Nicolaci Noto
Palazzo Nicolaci Noto
Ragusa
Modica
Scicli
Palazzolo acredie
Caltagirone
Militello in val di catania
Noto
Catania
271-273 Corso Italia Ragusa Sicilia 97100 IT

Sito Unesco Le città tardo barocche del Val di Noto

Dopo sette anni dalla richiesta, nel giugno del 2002, a Budapest, nel corso dei lavori della 26° sessione  del Comitato Scientifico Internazionale, avviene finalmente il riconoscimento dell”UNESCO dell’area del Val di Noto nella World Heritage List (Lista del patrimonio dell’Umanità). I comuni del Val Di Noto inseriti nella lista sono 8: Noto, Palazzolo Acreide, Scicli, Modica, Ragusa, Militello Val Di Catania, Caltagirone, Catania. Il sito nel suo complesso è stato denominato:  “Le città tardo barocche del Val di Noto (Sicilia sud orientale)”

Descrizione del sito Unesco:

“Le otto città del sud-est della Sicilia: Caltagirone, Militello in Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa e Scicli furono ricostruite dopo il 1693, nello stesso luogo o vicino alle città esistenti al tempo del terremoto di quell’anno. Esse rappresentano una considerabile impresa collettiva, portata con successo ad un alto livello di architettura e compimento artistico. Custodite all’interno del tardo Barocco, esse descrivono pure particolari innovazioni nella progettazione urbanistica e nella costruzione di città”.

I criteri adottati dall’Unesco per l’iscrizione del Val di Noto nel Patrimonio dell’Umanità:

(criterio i) “Questo gruppo di città del sud-est della Sicilia fornisce una notevole testimonianza del genio esuberante dell’arte e dell’architettura del tardo Barocco.

(criterio ii) Le città del Val di Noto rappresentano l’apice e la fioritura finale dell’arte Barocca in Europa.

(criterio iv) L’eccezionale qualità dell’arte e dell’architettura del tardo Barocco del Val di Noto la posizionano in una omogeneità geografica e cronologica, così come la sua ricchezza è il risultato del terremoto, in questa zona, del 1693.

(criterio v) Le otto città del sud-est della Sicilia che hanno presentato questa richiesta sono l’esempio di sistemazione urbanistica in questa zona permanentemente a rischio di terremoti ed eruzioni da parte dell’Etna”.

I criteri suddetti trovano corrispondenza con ben 4 dei 6 criteri individuati dall’UNESCO affinché un sito possa essere considerato di“valore universale eccezionale”:

(i) rappresentare un capolavoro del genio creativo dell’uomo

(ii) aver esercitato un’influenza considerevole in un dato periodo o in un’area culturale determinata, sullo sviluppo dell’architettura, delle arti monumentali, della pianificazione urbana o della creazione di paesaggi

(iv) offrire esempio eminente di un tipo di costruzione o di complesso architettonico o di paesaggio che illustri un periodo significativo della storia umana

(v)  costituire un esempio eminente di insediamento umano o d’occupazione del territorio tradizionale, rappresentativi di una culturale (o di culture) soprattutto quando esso diviene vulnerabile per effetto di mutazioni irreversibili

 

Se pensiamo che ciascun sito può essere eletto come patrimonio culturale dell’umanità in funzione anche di una solo criterio, il numero complessivo di criteri  adottati (4 SU 6) dà una misura del reale significato di tale riconoscimento.

Scheda elaborata da: Ignazio Caloggero

Rating
Featured/Unfeatured
Claimed/Unclaimed
Etna.jpg
94.64 km
Showing 16 results

Lost Password

Register

Translate »
X