La Sicilia e il turismo per i non vedenti

Previste oltre cento installazioni grazie a un’iniziativa del Governatore del Distretto Lions 108 Yb Sicilia, Maurizio Gibilaro a favore dell’Uici regionale, presieduta da Gaetano Renzo Minincleri. Il programma prevede anche molte altre importanti iniziative di sostegno ai disabili visivi e non solo

La cattedrale di Catania, sarà tra gli oltre cento siti museali, archeologici e Unesco, dove saranno installate le mappe tattili Braille grazie al progetto “La Sicilia e il turismo per i non vedenti”, promosso dal Lions e presentato stamani nel corso di un incontro con i giornalisti nell’auditorium del Polo Tattile Multimediale di Catania dal governatore del Distretto 108 Yb Sicilia, Maurizio Gibilaro, alla presenza del presidente del Consiglio regionale dell’Uici, Gaetano Renzo Minincleri, del delegato area vista Lions,  Massimo Di Pietro e di Giuseppe D’Antone, delegato Fondazione Lions per il Distretto Sicilia.

In realtà non si è parlato soltanto del progetto, ma di una serie di importanti iniziative che prenderanno corpo nel prossimo anno. Tra gli altri progetti in cantiere, la donazione di due cani guida e di bastoni elettrici con la collaborazione dei giovani del Leo club. Ma, soprattutto, l’Uici entro il giugno del 2023 riceverà dal Lions una nuova, innovativa, Unità oftalmica mobile, che, grazie al digitale, sarà gestibile anche in telemedicina con un sistema automatizzato. Ciò consentirà, per esempio, di eseguire gli screening non solo sugli adulti ma anche sui bambini affetti dalla temibile ambliopia che spesso porta alla perdita della vista.

“Abbiamo iniziato un percorso – ha dichiarato Maurizio Gibilaro – che porterò avanti fino alla conclusione del mio mandato, realizzando anche un progetto per la distribuzione di occhiali rigenerati in Sicilia, così come facciamo già a livello mondiale. Oggi con l’Unione Italiana Ciechi proseguiamo in quel percorso di valorizzazione del turismo accessibile a tutti. Sono felice di avere al mio fianco anche una folta schiera di Club Leo”.

“Ringraziamo di cuore Maurizio Gibilaro – ha detto Gaetano Renzo Minincleri – per lo straordinario programma che ha messo in campo con il Lions per i non vedenti. E parliamo di attività di grande importanza non solo a breve e medio termine, ma anche di più lunga portata. Un passo in avanti notevolissimo per evitare che altre persone, soprattutto bambini, debbano cadere nella cecità o nell’ipovisione”.

 Grande attenzione è stata riservata infatti anche all’aspetto scientifico per quanto attiene alla ricerca sulle malattie genetiche rare dell’occhio con un protocollo d’intesa con la Fondazione Telethon, che è stato firmato il 15 ottobre, durante la convention che si è svolta a Palermo.

Tornando al progetto “La Sicilia e il turismo per i non vedenti”, nel corso della conferenza stampa è stato ricordato come ogni mappa tattile – realizzata dalla Stamperia regionale Braille di Catania – avrà un QR code che permetterà anche di ascoltare una descrizione audio, sia in lingua italiana che in inglese, dei siti o delle opere. La scelta delle aree di interesse storico, che ricadono nell’ambito dei 115 club del Distretto Sicilia, sarà concordata dalle amministrazioni comunali in sinergia con le soprintendenze dei Beni Culturali di ogni territorio.

Tra i prossimi appuntamenti del Lions, un’iniziativa in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre.

login

Inserisci l’email e la password